Storace (Ld): «La pedofilia è lo specchio della crisi in cui versa la nostra società»

Pubblicato il da A tutta destra

(Ciampino - Attualità) - La conferenza dell'Associazione "La Caramella Buona Onlus" sul tema della pedofilia è organizzata per le ore 18 alla sala convegni di via del Lavoro a Ciampino. Si vocifera che l'ospite d'onore sia Francesco Storace, il segretario nazionale de "La Destra". Forse il solito annuncio in pompa magna con la buca finale del protagonista per improvvisi impegni istituzionali? Stavolta no. Il senatore della Repubblica, infatti, arriva puntualissimo all'appuntamento, saluta i convenuti e si siede in prima fila pronto ad ascoltare e a dire la sua sul tema caldo e attuale della violenza sui bimbi nei nostri territori.

Noi di Castellinews.it gli chiediamo una piccola intervista e lui si concede gentilmente ai nostri microfoni. «Io sono molto legato al Presidente de "La Caramella Buona", Roberto Mirabile, che attraverso la sua associazione davvero benemerita sta svolgendo un'azione talmente importante e penetrante, che lo stesso Mirabile è stato oggetto di minacce abbastanza pesanti». Questo il primo pensiero di un orgoglioso Storace, che ha riconosciuto il notevole impegno sociale dell'associazione, la prima ed unica nel 2005 dichiarata Parte Civile da un tribunale italiano in un procedimento giudiziario per la lotta alla pedofilia.

E proprio sulla pedofilia il Segretario nazionale si è poi soffermato: «Questo fenomeno, purtroppo, sta procedendo in parallelo con la crisi di valori della società italiana. Oggi giorno sembra quasi una cosa "normale" per chi ha una devianza prendere un bambino e giocarci senza problemi. Ciò deve essere contrastato con tutte le nostre forze». Secondo Storace la realtà quotidiana italiana si compone di un muro di indifferenza, alimentata dalla cattiva informazione, anzi non informazione, di alcuni organi di stampa: «Sono scomparsi in data odierna due bambini e altrettanti sono stati stuprati – ha spiegato il Senatore – ma questa notizia non verrà mai riportata da nessun giornale. Ormai ci siamo abituati, diventerebbe notizia solo se questi stessi bimbi fossero stati ammazzati».

Serve, dunque, una sensibilizzazione costante e ficcante del fenomeno "pedofilia" da parte dei mezzi mass-mediali nostrani. A questo si dovrà unire una riforma legislativa più forte e repressiva: «Ci vogliono norme dure che non mettano i pedofili in condizione di nuocere alla società e la soluzione della castrazione chimica non è la migliore – ha precisato l'ex Ministro della Salute –. Poiché i soggetti deviati, nelle loro violenze ai bimbi, possono usare altri oggetti e altri materiali sessuali. Dobbiamo mandare i responsabili in carcere e buttare le chiavi della cella». Storace pertanto non è propenso alla riabilitazione sociale del pedofilo e lo dice a chiare lettere: «Credo che sia scarsamente efficace il fatto che ci possa essere reversibilità del soggetto che commette questi reati su minori. E'utile solamente il carcere, e l'inasprimento delle pene penitenziarie porterebbe i soggetti condannati a rimanerci per lunghissimo tempo. E quello che d'altronde si meritano». (di Marco Montini; fonte: castellinews.it)

Per essere informato degli ultimi articoli, iscriviti:

Commenta il post

alfio 12/27/2009 03:26


La Casa Buona: mura solide per abbracciare vittime di violenza

La Caramella Buona Onlus, associazione nazionale contro la pedofilia, lancia la campagna sociale per sostenere donne e bambini maltrattati



Finalmente La Casa Buona! Dopo tredici anni di intensa attività a favore e tutela dell’Infanzia, La Caramella Buona, a seguito di un’urgente richiesta di aiuto, ha inaugurato mesi fa a Reggio
Emilia la prima Casa Buona, appartamento di prima accoglienza messo gratuitamente a disposizione di donne e bambini per un’azione di immediato aiuto, un progetto concreto da poter toccare con
mano.



“ E’ nostro obiettivo – dichiara il presidente della Onlus Roberto Mirabile – inaugurare diverse Case Buone in Italia in cui accogliere persone in stato d’emergenza a causa di violenze. Attraverso
questa campagna, grazie all’aiuto di tutti, vogliamo dare la speranza e la forza di ricominciare a persone che trovano il coraggio di scappare ma non sanno dove andare. Vogliamo inaugurare la
seconda Casa Buona a Roma, segno tangibile di solidarietà.”



Dal 23 dicembre 2009 al 3 gennaio 2010 sarà possibile sostenere il progetto “La Casa Buona: mura solide contro la violenza” donando 2 euro tramite un sms solidale inviato al numero 48543 da
qualunque cellulare personale o 2 euro chiamando da rete fissa TELECOM.

Grazie al sostegno RAI sarà diffusa durante le varie trasmissioni della Rete la locandina, materiale fotografico della Casa Buona già realizzata e le spille di adesione.



I fondi raccolti permetteranno l’apertura di un appartamento arredato in grado di accogliere gratuitamente persone maltrattate e di fornire loro, attraverso l’intervento degli operatori de La
Caramella Buona Onlus, un percorso di recupero mirato all’affermazione e alla serenità personale: mura calde come braccia per sostenere donne e bambini in difficoltà.



A sostegno dell’iniziativa diversi testimonial si alterneranno per appoggiare l’iniziativa e sottolineare l’utilità e la concretezza de La Casa Buona.



Dott.sa Anna Maria Pilozzi

Ufficio Stampa

La Caramella Buona Onlus

ufficiostampa@caramellabuona.org