Siena, CasaPound in piazza: 100 litri di latte gratis contro il carovita

Pubblicato il da A tutta destra

http://sites.etleboro.com/thumbnails/news/18143_latte.jpgCasaPound Siena interviene per comunicare un’iniziativa simbolica contro il carovita per il giorno di Santa Lucia. “La crisi devastante che ci sta colpendo” – interviene Gabriele Taddei, responsabile provinciale di CasaPound Italia – “sta velocemente modificando le abitudini degli italiani. Una crisi che, esattamente un anno fa, rimaneva essenzialmente finanziaria, spingendoci ad eliminare soprattutto i beni voluttuari dalle nostre compere natalizie. Una crisi che, nel corso di quest’anno, si è trasformata in economica e sociale, portandoci a ridosso delle festività senza lavoro e con le buste della spesa vuote. Fuori dai servizi dei telegiornali sullo shopping natalizio e dalle vetrinette dei negozi più eleganti, il costo della vita sta raggiungendo vette mai viste. Pane, latte, pasta e tutti i beni di prima necessità stanno trasformandosi in beni di lusso: una rosetta come articolo da gioielleria, un litro di latte va acquistato di contrabbando. E’ urgente perciò realizzare un blocco dei prezzi per i prodotti di prima necessità, eliminare le quote di produzione UE ed impedire le speculazioni sulle materie prime alimentari. Ma ognuno di noi può e deve fare la propria parte sostenendo il lavoro italiano, acquistando prodotti nazionali realizzati da italiani. Aiutiamoci”. “A seguito dell’iniziativa dello scorso anno” – termina il responsabile di CasaPound Siena – “anche questo 13 dicembre ci troveremo in quel di Santa Lucia, presso i locali della nostra associazione in via Stalloreggi 87, non più per sensibilizzare bensì purtroppo per solidarizzare con i cittadini senesi sul tema del carovita. Come gesto comunitario ed ovviamente simbolico, CasaPound Siena distribuirà gratuitamente 100 litri di latte italiano alla popolazione, allegando ad essi un utile volantino con consigli contro il carovita”.

Per essere informato degli ultimi articoli, iscriviti:

Commenta il post