ROMA/MOBILITA': ANCI, COSTI AUTO ELEVATISSIMI A CAUSA DEL TRAFFICO

Pubblicato il da A tutta destra

(ASCA) - Roma, 9 dic - Per i romani i costi della congestione del traffico sono elevatissimi: 1.351 euro per ogni autovettura, una cifra di molto superiore alla media delle altre citta' metropolitane in Italia. E' quanto emerge dal Rapporto Cittalia 2009 sulle ''Citta' Mobili'', che analizza tendenze, domanda ed offerta di mobilita' nelle 15 citta' metropolitane del paese, operando anche un confronto con le principali realta' urbane internazionali in materia di mobilita' ed infrastrutture.

Secondo i dati di Cittalia, struttura dell'ANCI che si occupa di ricerche, la Capitale registra un flusso crescente di pendolari in entrata dal 2001 al 2009 pari +8,9%. La citta' nello stesso periodo riflette una domanda crescente di TPL (+22%) e di passeggeri annui trasportati dal 2000 al 2008, con ben 537 passeggeri annui contro una media del paese di 235. Si contrappone a questo il dato negativo del tasso di motorizzazione, autovetture ogni 100 abitanti, che nonostante nello stesso periodo di riferimento si sia ridotto di oltre gli 8 punti percentuali, vede comunque Roma al di sopra della media italiana dell'indicatore, rispettivamente piu' di 70 auto ogni 100 abitanti contro le 60 registrate mediamente in Italia.

Cresce inoltre quasi del 45% il numero dei motocicli per 100 abitanti, registrando un tasso di motorizzazione di quasi 15 motorini contro i 9 della media italiana ogni 100 abitanti. Nel territorio romano e' elevato il numero complessivo dei veicoli che circolano ogni 100 abitanti (88 contro i 79 per la media Italia e gli 81 per la media delle 15 citta' metropolitane).

Questa congestione crea ai romani prima di tutto una forte insoddisfazione, con un voto attribuito alla scorrevolezza del traffico nettamente insufficiente (3,5 in media), impiegando essi nei giorni feriali piu' di ora e un quarto per gli spostamenti (74 minuti) e percorrendo una media di 31 km al giorno. Ma tali fenomeni di congestione portano soprattutto a costi elevatissimi, stimati per un valore pari a 1.351 euro all'anno per autovettura, ben al di sopra della media delle 15 citta' metropolitane (810 euro). E se la velocita' media di spostamento con la propria auto e' piu' del doppio di quella con i mezzi pubblici (23km/h contro i 12km/h), il costo sociale pro-capite annuo degli incidenti stradali a Roma e' di 356 euro contro una media Italia di 262.

Per quanto riguarda le dotazioni infrastrutturali, Roma - nonostante i recenti lavori di avvio della metropolitana - appare ancora in difficolta'. Le criticita' della mobilita' nella capitale e' fortemente in linea con le altre grandi citta' europee, sofferenti delle strutture ereditate in relazione alla crescita economica e agli orientamenti fortemente urbanizzati delle compagini sociali ivi localizzate, che riflettono nella vita e nel movimento urbano le proprie complessita'.Cosi' se per la rete metropolitana negli ultimi 7 anni la situazione e' ancora di stallo, la citta' eterna puo' vantare una rete di TPL su gomma particolarmente estesa (2.208 km), oltre un quarto dell'estensione totale delle 15 citta', anche se al di sotto della media italiana per densita' abitativa (0,8 km/10.000ab contro l'1 media Italia), ed un sevizio di mobilita' su gomma tra i piu' accessibili con ben il 99% dei veicoli dotati di pianale ribassato. Roma conta anche una crescita dei parcheggi elevata negli ultimi 7 anni pari a circa il 95% e un ancora piu' significativo incremento della rete ciclabile pari al 308,70% per lo stesso periodo. Infine, per quanto riguarda la spesa in conto capitale in viabilita' e trasporti il Comune di Roma e' l'unica amministrazione che fa registrare nel periodo 1998-2007 una crescita positiva delle spese in relazione ad una crescita positiva della popolazione residente per lo stesso periodo. Relativamente alla spesa finale procapite per viabilita' e trasporti, questa - negli ultimi dieci anni - si e' mantenuta per Roma sempre al disopra della media delle 15 citta' metropolitane.

Per essere informato degli ultimi articoli, iscriviti:

Commenta il post

paolo 10/14/2010 15:36


Oggi è il 14 Ottobre 2010, e Roma resta una delle città più invivibili d’Europa…
Breve resoconto dell’ultima settimana da automobilisti a caccia del posto di lavoro:
caso1: Una settimana fà ero con la mia ragazza in una qualsiasi via di Roma dotata di incrocio e semaforo. Eravamo tranquilli a circa 20km/h in coda per giungere al semaforo coda di circa 20m, ad
un tratto un’automobilista parcheggiata sulla destra sotto al semaforo nei posti dedicati a motorini e biciclette, senza guardare apre lo sportello di colpo proprio mentre passavamo noi, e ci
colpisce lo specchietto mandandolo in frantumi…ok… supero il semaforo metto le 4 frecce e mi fermo, inveisco leggermente contro la signora in questione sulla disattenzione e le chiedo il CID,
niente non ha voluto saperne dice che la sua porta “era gia aperta”(ok pazienza), chiamo i vigili, attesa circa 1,45 ore, al loro arrivo non fanno altro che prendere i dati, le rispettive versioni,
e fare spero una multa alla signora che aveva parcheggiato sotto il semaforo, risultato probabilmente non mi ripagheranno nemmeno tutto lo specchietto, da questo, consiglierei a non chiamare mai i
vigili per cose semplici, vista probabilmente l’inutilità della cosa, perchè non potete trarre nessuna ragione tramite loro…
Caso2:
Questa mattina la mia ragazza esce di casa a Roma(San Giovanni) per andare al lavoro, dopo un’ora mi chiama e dice che Piazza Lodi, tangenziale etc..erano completamente bloccate ok, c’è un percorso
alternativo la Prenestina, ok lei va a Largo Preneste e si mette in coda per girare verso via di Portonaccio, è ferma in coda con la freccia a sx tra 2/3 auto che giravano ugualmente, qui viene il
brutto, alcuni di Voi furbetti in mega scooter o auto che si ritengono migliori di qualcun’altro , superano le code andandosi a piazzare davanti agli altri con il motto “se c’è posto avanti io
vado” ok si potrebbe fare ma il problema è stato che una persona che superava la coda in auto per andare a sx, ha stretto uno scooterista che invece probabilmente doveva proseguire diritto per via
Prenestina, il quale poveraccio(o errore suo nel sorpassare un’auto che girava) fattostà che è stato stretto a alla sua dx da un’auto che girava a sx si è andato a schiantare sulla mia ragazza
cadendo e ferendosi ad un piede..tutti sono fuggiti, lei è rimasta ferma, lo ha soccorso, l’uomo sta bene e cammina, prende il suo scooter semi-distrutto e se ne và zoppicante scusandosi con lei
per non aver frenato, la mia ragazza scioccata non ha detto niente, ha proseguito verso il lavoro…..quindi danni etc.. niente risarcimenti niente ok….
Ora questi episodi sappiamo tutti che sono all’orine del giorno a Roma, ma sinceramante sono anni che ci battiamo per sistemare queste cose, per avere un codice, ma la gente continua a fare la
spericolata, a parlare al telefono ad essere distratta anche e peggio con lo scooter…
IO VIETEREI QUESTI SCOOTERS SOPRA I 125 PERCHE’ VANNO A 100KM/H IN 3 SECONDI, CHI LI GUIDA SI SENTE UN PILOTA, E SE VALENTINO ROSSI SI E’ ROTTO TIBIA,PERONE, E UNA CLAVICOLA IN PISTA, FIGURIAMOCI
NOI IN CITTA’…
FAREI IN MODO CHE OGNI INCROCIO SIA CONTROLLATO, PERCHE’ NON POSSIAMO PERMETTERCI UN FAR WEST SIMILE DOVE TUTTI FANNO IL CAXXO CHE VOGLIONO!
SONO APPENA TORNATO DALL’OLANDA CHE HA ANCHE LEI I SUOI PROBLEMI MA DICO CHE CHIUNQUE DOVREBBE ANDARE IN EUROPA DEL NORD A CAPIRE CHE TIPO DI RISPETTO HA QUESTA GENTE PER LA LORO TERRA…E NON
DICIAMO CHE QUI NON SIAMO A NORD, PERCHE’ E’ RELATIVO, SUPERFLUO E STUPIDO..
SPERO CHE TUTTO QUESTO NON SIA SOLO VISTO COME UNA LAMENTELA PER GLI INCIDENTI CHE CI SONO CAPITATI, C’E’ QUALCOSA DI PIU’ MARCIO E LO SAPPIAMO TUTTI, SE C’E’ RIMASTO QUALCUNO CHE HA ANCORA UN PO’
DI VITA IN TESTA E PASSIONE PER IL MONDO, ALLORA DOBBIAMO FARE QUALCOSA PER CAMBIARE RADICALMENTE MODO DI VEDERE ALCUNE COSE TRA CUI LE STRADE DELLE NOSTRE CITTA’, NOI ITALIANI DI OGGI NON SIAMO
NESSUNO, RIPETO ANDATE A VEDERE L’EUROPA QUANTOMENO….IL RISPETTO QUI IN ITALIA NON SI CONOSCE, QUI TI COMPRI LA PISTOLA SE VUOI FARTI RISPETTARE!…BEH SAREMO 2 PERSONE COSTRUTTIVE IN MENO ALLORA,
NOI STIAMO PENSANDO PROPRIO SINCERAMENTE DI ANDARCENE….TUTTO QUESTO E’ TROPPO ED E’ SOLO LA PUNTA DELL’ICEBERG!!!….
SEMPLICE ESEMPIO:
LA DANIMARCA STA ATTUANDO LA CONVERSIONE ALLE “FONTI RINNOVABILI” DI TUTTO IL SISTEMA ENERGETICO DELLA NAZIONE ENTRO IL 2050(VI RENDETE CONTO A COSA PENSANO??...SONO SERI O NO???)E STANNO
ABBANDONANDO L’EOLICO PERCHE’ DICHIARATO “OBSOLETO”, HANNO RAGIONE!!, NOI STIAMO PROGETTANDO “FANTASTICI IMPIANTI EOLICI” E NIENTE PISTE CICLABILI, CENTRALI NUCLEARI, E NON SAPPIAMO DOVE BUTTARE UN
PEZZO DI PLASTICA….SVEGLIA, E I SOLDI VANNO NELLE TASCHE DEI SOLITI CICCIONI!!!! …SCUSATE SE SONO ANDATO LEGGERMENTE FUORI TEMA MA SE QUALCUNO O MOLTI RIUSCISSERO A GUARDARE AL DI FUORI DI
“FACEBOOK” E “AMICI” FORSE DOMANI SAREMO UNA NAZIONE MIGLIORE…