Le "toghe rosse" pronte a sequestrare i beni di Berlusconi?

Pubblicato il da A tutta destra

La notizia è apparsa oggi sul quotidiano "Il Giornale", ed è stata ripresa nella mattinata anche da Maurizio Gasparri.
Secondo il Quotidiano diretto da Vittorio Feltri, «l'Antimafia ha pronto il siluro per Silvio Berlusconi, ma non si tratta solo dell'ormai prossimo avviso di garanzia per concorso esterno a Cosa Nostra. Secondo la legge infatti - prosegue il Quotidiano -  all'indagato per questo reato possono essere confiscati beni di proprietà, e ciò indipendentemente dall'esito del procedimento penale. Ovvero basta il sospetto per colpire il Premier». E capita, guarda caso, alla vigilia delle elezioni regionali.
A supportare la tesi del quotidiano milanese anche Maurizio Gasparri, presidente del PDL al Senato che, rispondendo ad alcune domande postegli da Maurizio Belpietro durante la trasmissione "Mattino Cinque", ha sostenuto che ritiene «
ci sia in atto una offensiva politica di alcuni militanti della sinistra che sono dentro la magistratura e che tendono a privilegiare la loro appartenenza politica all'esercizio corretto delle loro funzioni»


Per essere informato degli ultimi articoli, iscriviti:

Commenta il post