"La Nazione" indica la mappa dei gruppi estremisti in Toscana

Pubblicato il da A tutta destra

(da "La Nazione"  del 10 novembre 2009) -  Firenze, 10 novembre 2009 - La Toscana è terra rossa e i gruppi che qui trovano coperture e simpatizzanti hanno per lo più quel denominatore.
Cominciamo da Firenze: città universitaria, internazionale, c’è di tutto: dall’Onda studentesca all’Antifà, dai 2 circoli anarchici di Villa Riottosa, a Villa Panico, al Cpa di Villamagna, al Csa Ex Emerson al centro sociale ‘Casaggì’. A questi va aggiunto il recente ‘Camillo Cianfuegos’ di Campi Bisenzio, detto anche ‘K100’, vicino al Cpa, non conflittuale con l’ambiente anarchico. Nel capoluogo toscano peraltro convivono anche gli ‘opposti’ di Casapound, trovano ospitalità alcuni elementi di Forza Nuova che con Ilario Palmisano, leader fiorentino del gruppo, si sono fatti recentemente sentire a Rignano per la sua elezione in consiglio comunale. Hanno ritrovi tranquilli, a Firenze, anche Fiamma Tricolore e la Destra di Storace.
Un capitolo a parte meritano i Carc, il Partito dei comitati di appoggio per la resistenza per il comunismo: «Accumulare forze per fare dell’Italia un nuovo paese socialista».
A Carrara i Carc hanno sede in via Solferino 11, a Massa in via Stradella 54; a Viareggio in via Machiavelli 117. Firenze: presso C. Doc. Filorosso, via Rocca Tedalda 277; ad Abbadia San Salvatore Siena, c’è un indirizzo di posta elettronica.

Pisa e Livorno possono andare a braccetto anche se la seconda ha una struttura ‘rossa’ più ‘muscolare’ e la prima più ‘pericolosa’. Gli elementi anarchici più tosti o quelli legati all’eversione rossa sono risultati avere legami con il ‘Silvestre’ di Pisa e l’ex Csa Macchia Nera sempre di Pisa: il 70 per cento circa degli anarchici storici provengono dall’area pisana o da luoghi impervi delle Apuane sopra Lucca. Attualmente, oltre al Silvestre, c’è il Godzilla a Livorno e il Neqrotz nei pressi della stazione di Pisa.

Qualche problema in più adesso sta nascendo a Pistoia dove si sono registrati scontri e assalti: la sede di Casapound è stata più volte presa di mira dai Carc (una trentina in tutto in Toscana di cui 6-7 stabilmente residenti a Pistoia, una decina a Massa e 4-5 a Firenze).

Siena ha goduto di relativa tranquillità dopo l’arresto di Alessandro Della Malva, area Carc, ma di recente all’interno delle mura, segnalazioni dell’Ucigos parlano di un ritrovo di alcuni sparuti elementi di ‘Casapound’. Per il momento comunque le due opposte fazioni non si danno noia.

Arezzo non freme dal punto di vista dello scontro politico: nei rapporti della digos locale si parla di alcuni elementi legati al mondo dell’anarchia militante che vivono tra Arezzo e il Valdarno e che spesso, per motivi politici, fanno capo a Firenze.

Prato: è forte l’Onda studentesca ma vengono tollerati anche i banchini di ‘Casapound’.
A Pontedera (Pisa)c’è una sede importante di Forza Nuova e prima di essere sgominata una importante cellula delle Cor, le ‘cellule offensive rivoluzionarie’.

Per essere informato degli ultimi articoli, iscriviti:

Commenta il post