La guerra di Berlusconi: «Il Csm si è trasformato in un partito politico». E Ferrero (Rif.Com.): «Le sue parole sono da fascista».

Pubblicato il da A tutta destra

http://www.rifondazionepisa.it/ricominciamo/wp-content/uploads/2009/05/prc_paolo-ferrero_1.jpgTutto ha avuto inizio questa mattina quando, da Bonn, dove era intervenuto per il congresso del Partito Popolare Europeo, Silvio Berlusconi ha sciorinato attacchi alle toghe rosse: «La Corte costituzionale si e' trasformata da organo di garanzia in organo politico che abroga le leggi». «La Corte costituzionale -ha spiegato - ha 11 componenti su 15 che appartengono alla sinistra. I 5 componenti di nomina presidenziale sono tutti di sinistra in quanto abbiamo avuto, purtroppo, tre presidenti consecutivi tutti di sinistra».
Ma non è finita qua, Berlusconi ho continuato dicendo che «la situazione in Italia, a partire dai problemi relativi alla giustizia, ha raggiunto un livello tale che per essere risolta c'e' bisogno probabilmente di arrivare a una riforma della Carta costituzionale».
Berlusconi, facendo partire il suo ragionamento dalla situazione della giustizia e del ruolo che hanno quei ''giudici di sinistra'', sostiene che comunque in generale ''c'e' bisogno di un cambiamento. E ha annunciato che sta lavorando per cambiare questa situazione.
A replicare alle parole di Berlusconi, sono stati in tanti, dagli esponenti dell'Idv al Pd. Ma il più agguerrito è stato Ferrero, segretario nazionale del partito di Rifondazione Comunista che ha detto: «Le parole di Berlusconi contro la Magistratura sono eversive e fuori dalla legalita' costituzionale. Parole degne di un fascista che vuole scardinare l'equilibrio dei poteri democratici. Invitiamo Fini a prendere atto di questa realta' ed a intervenire prima che la situazione precipiti ulteriormente. Chiediamo al Presidente della Repubblica di intervenire in modo chiaro come garante della costituzione''.

Per essere informato degli ultimi articoli, iscriviti:

Commenta il post

Dario Gagliano 12/11/2009 13:55


Per sti comunisti tutto ciò che contrario al comunismo è il fascismo. A parte il fatto che non è un insulto per me, personalmente (anzi, io sono orgoglioso della storia fascista), mi pare
assolutamente ridicolo.

Io oso a dire che l'Italia è bloccata principalmente perché abbiamo un sistema arcaico costruito da una sinistra che vuole tutti i meccanismi possibili per rimanere al potere.

Berlusconi ha detto solo la verità, che la sinistra domina il sistema giudiziario. Serve una profonda riforma della costitutizione immediatamente.