'IL GIORNALE' E 'LIBERO' ALL'ATTACCO DI FINI

Pubblicato il da A tutta destra

Titoli d'apertura a tutta pagina contro Fini da parte del 'Giornale' e di 'Libero'. ''Traditi da Fini'' titola 'Libero' che nel sommario sostiene: ''Elettori del Pdl in rivolta dopo il fuori onda del presidente della Camera. Dipendesse da loro, Gianfranco sarebbe gia' espulso. Berlusconi: 'Non gli parlo piu'''. Il 'pensiero' continua a pagina 2 e 3 dove la titolazione e' coerente: ''Il popolo azzurro vota: 'Cacciamo il traditore'''. E nel sommario si prosegue: ''Arrogante, osceno, musulmano: sui siti web vicini al Pdl simpatizzanti ed elettori si sfogano contro Fini. E per qualcuno e' peggio di Casini''. Nella pagina accanto si tenta una spiegazione della vicenda: ''Lite pubblica ma la faccenda e' pure privata'' dice ancora 'Libero' spiegando che ci sono ''due vicende personali: le presunte offese alla compagna (di Fini) e il sospetto tradimento con un magistrato, rischiano di far saltare governo e legislatura''. ''Dal servizio di Canale 5 sulla fidanzata di Fini al fuori onda galeotto uscito mercoledi': e' sempre un video - si legge nel sommario - a fare litigare i cofondatori del Pdl''. ''Berlusconi: non voglio piu' vederlo'' e' il titolo del 'Giornale' che rafforza il concetto nell'occhiello ''Il premier scarica Fini dopo il fuori onda'' e nel sommario: ''I nodi che avevamo denunciato due mesi fa sono venuti al pettine. Il presidente della Camera e' ormai una zavorra che ostacola il governo del Paese. E i primi a chiedergli di farsi da parte sono proprio i suoi elettori''. In centro pagina una grande foto di Fini sovrastato da una titolazione indubbiamente altrettanto politicamente pesante : ''Il trionfo dell'ingratitudine - La sindrome rancorosa del beneficiato''. All'argomento vengono dedicate due intere pagine interne. La prima ha un titolo-invocazione: ''Silvio,ora liberati dalla zavorra Fini'', la seconda vuole essere piu' di cronaca: ''Gli elettori lo licenziano sul web: infedele e traditore vattene''.

Per essere informato degli ultimi articoli, iscriviti:

Commenta il post