Fini-show passa alle offese: «E' stronzo chi dice che gli immigrati sono diversi».

Pubblicato il da A tutta destra

La notizia è di poco meno di un'ora fa. E' stata battuta dall'agenzia di stampa APCOM. 
Il presidente della Camera, Gianfranco Fini, visita il centro interculturale 'Semina' di Roma, che ospita ragazzi italiani ed extracomunitari e subito chiede se «qualche volta c'è qualche stronzo che usa parole di troppo». I ragazzi sobbalzano al sentire l'epiteto in bocca al presidente della Camera, ma Fini sorride e spiega: «Se qualcuno dice che siete diversi la parolaccia se la merita. Voi la pensate e io la dico».
Interrogato dai cronisti al termine della visita sulla durezza della terminologia usata, Fini rincara: «Questi ragazzi sono già italiani e non hanno nulla di diverso da tutti i loro coetanei: hanno gli stessi sogni e gli stessi problemi».
Non abbiamo ancora messo a fuoco a che gioco stia giocando l'ex fascista e delfino di Almirante. Ma quest'ultima uscita a spada tratta a difesa degli immigrati ed offendendo chi non la pensa così, se la poteva risparmiare.

Per essere informato degli ultimi articoli, iscriviti:
Commenta il post
D

Al minimo Fini dovrebbe dimettersi da presidente della Camera.


Rispondi
E

Tu lo pensi ed il lo dico... Proprio come re Franceschiello quando il famiglio gli infilava gli stivali ed al re scappava "nu pireto" ed esclamava (il re): - A soreta!-


Rispondi
G

Il tutto si commenta da se, questo st***** avrebbe bisogno di una cura di memoserina...ha dimenticato le promesse fatte durante il discorso di saluto alle salme di Almirante e Romualdi? Noi non le
abbiamo dimenticate! TRADITORE!!!!


Rispondi
D

Stupefacente la logica di Fini.

Prima accusa il PDL di essere una caserma (anche se quando era presidente di Alleanza Nazionale ha convocato alcun congresso dal 1994) e poi dice che quelli che sono contro la sua linea sono
'stronzi.'

Ma che se ne vada dal Popolo della Libertà e fondi la sua alleanza di centro con Casini e Rutelli. Io mi sono proprio stufato del suo ostruzionismo interno.


Rispondi
A

Hai già detto tutto tu, Dario. Anche noi siamo senza parole.