Educatori scolastici, Forza Nuova chiede personale altamente specializzato

Pubblicato il da A tutta destra

Alla luce dell'episodio di maltrattamenti su minori in un asilo di Pistoia, Forza nuova chiederà al ministro Gelmini di provvedere al più presto affinché in tutte le scuole pubbliche e paritarie sia chiamato a operare personale docente ed educatori professionali provvisti di laurea specifica e non pseudoeducatori assunti dalle cooperative, spesso privi della qualifica richiesta per lavorare in un campo delicato come quello della scuola.

A tal proposito è ora che anche in Italia, come accade in tutte le altre nazioni europee, venga istituito l'albo professionale degli educatori e che soltanto a loro sia concesso  spazio all'interno delle strutture scolastiche.

Si parla di qualità, di meritocrazia, ma sino ad oggi molto poco si è visto.

Forza Nuova chiede inoltre l'obbligatorietà della certificazione di idoneità psichica per tutto il personale operante nella scuola, dai dirigenti ai collaboratori (bidelli), e che deve essere soggetta a monitoraggio costante.

La mancanza del suddetto requisito deve costituire motivo di non assunzione in servizio o licenziamento per chi già lo è.

Si sa come sia logorante la professione docente; essa è molto spesso causa di stress e disagio e pertanto occorrono maggiori controlli.

E' assurdo che in Italia, una volta diventato di ruolo, il personale scolastico non sia più soggetto ad alcun tipo di verifica, se non in casi eccezionali e ad opera di dirigenti "coraggiosi" e responsabili.

E' assurdo anche che, quasi sempre, non si sappia cosa avvenga all'interno delle aule scolastiche dove, invece i controlli da parte dell'organo competente dovrebbero essere costanti e non certo annunciati.

Si inizi a riformare davvero la scuola in modo drastico e ad esclusivo vantaggio dell'utenza, senza ascoltare tante campane interessate soltanto a che non si apportino cambiamenti radicali e migliorativi, che tutelano i diritti di tutti tranne dei ragazzi.

Per essere informato degli ultimi articoli, iscriviti:

Commenta il post

Teresa Sestito Cascitti 12/08/2009 18:39


Sono d'accordissimo con le vostre proposte avanzate anche da me insegnante di scuola primaria statale non molto tempo fa in un colleggio docenti dove ribadivo che il maggior male della scuola è il
mancato contollo dei drigenti sulle attività e sui metodi d'insegnamento. Vi posso assicurare che il responso di tutto il colleggio è stato : " la solita destroide ".Inoltre, anche per i luoghi
educativi privati ci dovrebbe essere il controllo delle strutture dirigenziali statali e dgli enti territoriali preposti ( servizi sociali comunali ) ma non avviene da nessuna parte d'italia. Bravi
sono con voi!


A tutta destra 12/08/2009 18:44


Grazie per l'apprezzamento. Un solo consiglio, se possiamo permettercelo: perseveri.