Dal Censis brutte notizie: l'Italia rischia di diventare un Paese senza figli. Siamo sempre di meno!

Pubblicato il da A tutta destra

(ASCA) - Roma, 4 dic - ''Il rapporto annuale del Censis fornisce indicazioni univoche: l'Italia si avvia a diventare un paese senza figli dove la scelta di una gravidanza diventa un atto solitario ed eroico. Credo che sia giunto il momento di affrontare con decisione questo problema, ponendo in atto le basi un vera e propria politica demografica''. Lo dichiara la deputata Barbara Saltamartini, responsabile delle Pari opportunita' del PdL. ''Purtroppo, l'attuale crisi economica - prosegue la parlamentare - ha rallentato il percorso verso l'introduzione del quoziente familiare. Esso, tuttavia, rimane prioritario se vogliamo invertire il trend, cosi' negativo, che in tema di natalita' vede l'Italia a crescita zero. Un trend frutto di decenni di sostanziale indifferenza nei confronti della maternita', relegata ad evento privato della singola famiglia e mai considerata nel suo valore pubblico e sociale. L'esempio francese, in questo senso, ha dimostrato chiaramente che le famiglie sono pronte a fare piu' figli se opportunamente sostenute e incentivate dallo Stato. E un tasso piu' elevato di nascite costituisce la garanzia piu' solida per un Paese, anche dal punto di vista dello sviluppo economico Per questo ritengo che sia una svolta culturale che siamo chiamati a compiere con coraggio, anche perche' il tema della maternita' incide direttamente e drammaticamente sulla liberta' femminile''. ''Infine - conclude Saltamartini - rilevo con soddisfazione come dal rapporto presentato oggi emerga l'importanza del nodo della conciliazione ai fini del mantenimento dell'equilibrio sociale. Il Governo, a questo riguardo, ha gia' varato un grande piano di azione con un investimento di 40 milioni di euro. Ora occorre concentrarsi sull'introduzione di meccanismi di flessibilita' che prevedano tempi di lavoro piu' a misura dei tempi della famiglia''.

Per essere informato degli ultimi articoli, iscriviti:

Commenta il post