D'Alema perde la "poltrona" al Governo Europeo

Pubblicato il da A tutta destra

Accordo raggiunto tra i Ventisette riuniti al summit di Bruxelles sulle nomine delle alte cariche Ue. Confermati Herman Van Rompuy alla presidenza stabile dell'Ue e l'attuale commissario europeo Cathrine Ashton come Alto rappresentante della politica estera Ue.

 

Dopo la proposta il premier svedese Fredrik Reinfeldt ha ricevuto in 'confessionale', e cioè in bilaterale, tutti e 26 i colleghi prima di concludere i colloqui a livello collegiale, alla cena di stasera.

 

A spianare la strada al vertice straordinario è stato l'accordo unanime raggiunto dai capi di Stato e di governo aderenti al Pse sulla candidatura dell'attuale commissario europeo al Commercio, Catherine Ashton, alla carica di Alto rappresentante per la politica estera dell'Ue. E' quanto si apprende da varie fonti diplomatiche e del Pse.

 

In base agli accordi tra 'famiglie' politiche, infatti, l'Alto rappresentante spetta ai socialisti, mentre il presidente Ue ai popolari. La scelta della commissaria, che 'soddisfa' le aspirazioni britanniche e il criterio delle 'quote rosa', ha facilitato l'accordo sul nome del premier belga alla carica di presidente Ue. Il principale ostacolo, in effetti, era finora Londra.

 

Con la nomina della Ashton è quindi tramontata l'ipotesi di Massimo D'Alema in quella posizione.

 

"Faccio i migliori auguri alle persone che sono state nominate. E' stato un onore essere stato candidato per un incarico così prestigioso in un momento così importante per l'Europa", ha dichiarato D'Alema.  ((Adnkronos/Aki)

Per essere informato degli ultimi articoli, iscriviti:

Commenta il post

Dario Gagliano 11/20/2009 20:05


Io direi che il 90% degli europei non conosce i contenuti del testo. Una vera vergogna. E già il nuovo presidente europei richiede ai paesi di abbassare le loro bandiere e di sostituire i loro
simboli con i simboli europei.


Dario Gagliano 11/20/2009 00:53


Sinceramente non me ne frega per niente di D'Alema. Trovo stupefacente che il governo l'abbia candidato agli Esteri dell'Unione Europea.

Anzi, il governo avrebbe dovuto bocciare il testo del Trattato di Lisbona. La sua ratifica per me è stata un'amarezza enorme. Lo dico da convinto sostenitore del presidente del Consiglio.


A tutta destra 11/20/2009 07:46



Probabilmente Dario, tu hai studiato il contenuto del Trattato. La gente ha subito una disinformazione a riguardo, spaventosa. Oltre il 90% della popolazione italiana ancora oggi non ne conosce i
contenuti.