Brunetta, Carfagna e Giovanardi propongono altri asili nido per dare più lavoro alle donne

Pubblicato il da A tutta destra

I ministri per la Pubblica Amministrazione e l'Innovazione, Renato Brunetta, e per le Pari Opportunita', Mara Carfagna, e il Sottosegretario per le politiche della famiglia, Carlo Giovanardi, hanno firmato oggi a Palazzo Vidoni un Protocollo di intesa per promuovere tutte le iniziative necessarie per lo sviluppo di un'adeguata offerta di nidi aziendali e altri servizi socio-educativi per l'infanzia presso le pubbliche amministrazioni.

I servizi per l'infanzia sono importanti per il lavoro delle donne, ma il divario tra offerta e fabbisogno potenziale di tali servizi e' ancora ampio. Analisi recenti evidenziano che una maggiore disponibilita' di nidi con orari piu' flessibili, indurrebbero una percentuale significativa di donne non occupate con figli piccoli (50-60%) a modificare le proprie scelte e avviarsi all'attivita' lavorativa.

D'altra parte il 40% delle donne che non lavorano indicano la cura dei figli quale motivazione principale della rinuncia all'occupazione. Quanto all'offerta, la copertura garantita rispetto ai potenziali beneficiari e' di poco superiore al 10%. Anche se si considerano le forme di affido piu' flessibili e innovative (micro nidi, nidi famiglia) siamo ancora distanti dall'obiettivo del 33% fissato in sede europea per il 2010 e il grado di diffusione sul territorio e' molto basso.

Il Protocollo firmato oggi prevede azioni specifiche per accrescere e migliorare l'offerta di asili nido con l'obiettivo di favorire l'occupazione femminile, consentendo cosi' alle donne di conciliare lavoro e famiglia. Sono servizi che renderanno la PA un luogo di lavoro moderno, piu' attraente e efficiente, proseguendo la linea di azione gia' intrapresa dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri con la realizzazione dell'asilo ''Cip e Ciop'', e di un secondo ''Qui, Quo, Qua'' collocato presso il Dipartimento delle pari opportunita'.
(ASCA)

Per essere informato degli ultimi articoli, iscriviti:

Commenta il post